Anno europeo dei cittadini

L’Anno europeo dei cittadini 2013, stabilito dalla decisione del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 novembre 2012, intende rafforzare la consapevolezza e la conoscenza dei diritti e delle responsabilità connessi alla cittadinanza dell’Unione.
L’obiettivo è permettere ai cittadini di esercitare pienamente i proprio diritti, con particolare riferimento al diritto di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati Membri.
In dettaglio, l’anno europeo dei cittadini vuole:

- Rafforzare la consapevolezza dei cittadini dell’Unione per quanto riguarda il diritto di circolare e di soggiornare liberamente nell’Unione e anche tutti gli altri diritti garantiti ai cittadini dell’Unione senza alcuna discriminazione, compreso il loro diritto di voto alle elezioni locali ed europee nello Stato Membro in cui risiedono.

- Rafforzare la consapevolezza dei cittadini dell’Unione circa le modalità con le quali possono tangibilmente beneficiare dei diritti dell’Unione, nonché circa le politiche e i Programmi esistenti per sostenere l’esercizio di tali diritti.

- Stimolare un dibattito sui benefici e sulle potenzialità del diritto di circolare e di soggiornare liberamente quale aspetto inalienabile della cittadinanza dell’Unione.

- Incoraggiare e rafforzare la partecipazione civica e democratica attiva dei cittadini dell’Unione, in particolare a forum civici sulle politiche dell’Unione e alle elezioni del Parlamento europeo

- Promuovere la coesione sociale, la diversità culturale, la solidarietà, la parità tra donne e uomini, il rispetto reciproco e un senso di un’identità comune europea tra i cittadini dell’Unione, sulla base dei valori fondamentali dell’Unione sanciti nel Tue e nel Tfue, nonché nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

Per le celebrazioni dell’Anno europeo dei cittadini, nel 2013 è stata organizzata in tutta l’UE una serie di manifestazioni, conferenze e seminari a livello dell’Unione e in ambito nazionale, regionale e locale; il programma è disponibile sul sito europeo dell’Anno europeo (EN).

Da consultare anche i siti :
- www.agenziagiovani.it
- http://europalavoro.lavoro.gov.it
- www.interno.gov.it

Da segnalare infine l’Ecp – Europe for citizens point Italy, istituito presso il ministero per i Beni e le Attività culturali. Si tratta del punto di contatto nazionale per il programma Europa per i cittadini 2007-2013, che promuove la partecipazione dei cittadini e delle organizzazioni della società civile al processo di integrazione europea. Il programma è istituito dal Parlamento europeo e dal Consiglio con decisione 1904/2006/CE del 12 dicembre 2006, mira alla costruzione di un’Europa più tangibile per i suoi cittadini; allo sviluppo, a partire dalla valorizzazione del pluralismo delle realtà comunitarie, di un’identità europea unitaria fondata su comuni esperienze storiche e culturali; alla creazione di un senso di appartenenza all’Unione Europea; allo scambio di esperienze fra cittadini di diverse aree geografiche, al fine di contribuire al dialogo interculturale e alla reciproca conoscenza.
Per un approfonfimento, contattare:
ministero per i Beni e le Attività culturali
via dell’Umiltà 33, 00187 Roma
Referente: Leila Nista – Rita Sassu – Fabrizio Perrini
e-mail: antennadelcittadino@beniculturali.it
tel. e fax 06 6965 4261
web: www.europacittadini.it

Share