Apprendistato per giovani disoccupati

Sono aperte le iscrizioni a 3.300 sono i tirocini semestrali messi in palio in 15 regioni dal programma Botteghe di Mestiere.
I giovani inoccupati tra i 18 e i 29 anni interessati a costruirsi una carriera nel settore artigianale possono candidarsi a svolgere un apprendistato presso una Bottega dei Mestieri.
L’iniziativa è stata lanciata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che tramite l’agenzia ItaliaLavoro. Sono stanziati 14,85 milioni di euro per valorizzare il lavoro artigianale e per favorire l’inserimento lavorativo di giovani under 30 attraverso la promozione del contratto di apprendistato.
Il progetto Botteghe di Mestiere, nato nell’ambito del più ampio programma Amva – Apprendistato e Mestieri a Vocazione Artigianale, prevede di creare una «bottega» rappresentata da un’impresa o da un aggregato di imprese che operano in comparti produttivi della tradizione italiana in ciascuna provincia d’Italia.
Questi i comparti produttivi:

• tessile/abbigliamento/calzaturiero;
• ristorazione;
• pasticceria;
• panificazione;
• benessere;
• costruzioni.

A ciascun tirocinante verrà riconosciuta una borsa mensile di 500 euro e a ciascuna azienda ospitante un contributo di 250 euro a persona. Il tirocinio dura sei mesi.
Sono 51 le botteghe individuate in questa prima tornata, così distribuite:

• 2 in Valle d’Aosta
• 11 in Piemonte
• 2 in Liguria
• 8 in Lombardia
• 1 in provincia di Trento
• 3 in Friuli Venezia-Giulia
• 5 in Veneto
• 2 in Emilia-Romagna
• 1 in Toscana
• 6 nelle Marche
• 1 in Umbria
• 1 nel Lazio
• 3 in Sardegna
• 2 in Abruzzo
• 3 in Puglia.

Gli aspiranti tirocinanti possono presentare le loro candidature all’indirizzo www.italialavoro.it/amva scegliendo la «bottega» presso la quale fare l’apprendistato.

Share