Conduttore di impianti per la lavorazione e la raffinazione dello zucchero

Il conduttore di impianti per la lavorazione e la raffinazione dello zucchero svolge un’attività che consente di ottenere lo zucchero partendo dalla barbabietola come materia prima.
Lavora negli zuccherifici dove esiste un sistema di automazione elevato e complesso, e opera su macchinari tramite pannelli di controllo elettronici. La stagionalità delle lavorazioni fa sì che sovente venga assunto a tempo determinato, secondo le necessità del periodo.
Questo profilo è solitamente inquadrato tra il secondo e quarto livello del Ccnl degli alimentaristi, mentre gli stagionali in genere hanno un inquadramento inferiore (IV V livello).

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

PROFILO 

Il conduttore di impianti per la lavorazione e la raffinazione dello zucchero ha i seguenti compiti:

- preparazione della materia (lavaggio e trinciatura);
– controllo della temperatura durante l’estrazione del succo;
– controllo delle fasi di depurazione, defecazione e saturazione;
– controllo delle fasi di filtraggio e controllo dei forni interventi di manutenzione degli impianti. 

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

REQUISITI

Il conduttore di impianti per la lavorazione e la raffinazione dello zucchero deve avere una conoscenza generale del ciclo produttivo e delle varie fasi di lavorazione. Necessarie sono poi le competenze tecnico professionali riguardanti le attività di controllo e regolazione delle tecnologie e la manutenzione dei macchinari.

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

FORMAZIONE

Il titolo di studio più idoneo per il conduttore di impianti per la lavorazione e la raffinazione dello zucchero è il diploma di perito tecnico o chimico. La formazione viene poi completata in fabbrica, con periodi di tirocinio e corsi di aggiornamento interni sui nuovi macchinari.

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

SBOCCHI PROFESSIONALI

Una forte pressione competitiva nel mercato dello zucchero fa sì che le tendenze occupazionali per la figura del conduttore di impianti per la lavorazione e la raffinazione dello zuccherosiano relativamente ridotte.
A condizionare particolamente sul mercato dello zucchero sono anche il rigido sistema di quote che ha causato, anche a fronte di incrementi di produzione, una diminuzione delle raffinerie.
La mobilità orizzontale può consistere nella rotazione su più posizioni di lavoro collegate a più macchine e nel passaggio ad altre fasi di lavorazione prossime. La mobilità verticale è collegata a percorsi di crescita delle competenze tecnico/gestionali.

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

PER SAPERNE DI PIU’ 

Per ulteriori informazioni sulla figura professionale del conduttore di impianti per la lavorazione e la raffinazione dello zucchero, è possibile contattare:

- Assozucchero – Associazione nazionale fra gli industriali dello zucchero
via Torino, 146 c/o Confcooperative – 00184 Roma
tel. 06 95214502 fax 06 95214503
e-mail: unionzucchero@unionzucchero.it
sito: www.unionzucchero.it
Cura le relazioni industriali del settore e stipula il contratto collettivo nazionale di lavoro di categoria e i contratti aziendali, assistendo le imprese associate nella gestione degli stessi e nella composizione delle controversie di lavoro. Predispone studi, statistiche e dossiers sulle problematiche comuni al settore (ambiente, qualità e sicurezza alimentare, responsabilità sociale, sicurezza sociale, …). Raccoglie ed elabora tutti i dati e le informazioni di interesse del settore e mantiene i rapporti istituzionali con gli enti esterni. 

Data: 15/02/2010
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

Share

Tags: