Grafologo

La grafologia è una tecnica che descrive la descrizione delle caratteristiche di personalità di un individuo attraverso l’interpretazione della sua grafia. Va detto che validità e attendibilità di questa tecnica non sono mai state dimostrate in modo assoluto.
Il mestiere del grafologo entra a pieno titolo fra le professioni emergenti. Non è un caso che solo dal 1996 sia stato istituita una laurea in consulenza grafologica e che, sempre nello stesso anno, il Cnel abbia riconosciuto l’Associazione grafologi professionisti “come referente della categoria in vista dell’istituzione di un albo professionale e di regole a tutela della categoria”.
Con oltre 600 iscritti, su un totale di circa 1.500 grafologi operanti in Italia, l’associazione si pone come punto di riferimento per i professionisti del manoscritto. Tra le differenti aree d’azione dei grafologi, il settore della giustizia è quello in cui lavora la maggior parte di questi specialisti.
Tenuto conto del fatto che la giurisprudenza italiana ha riconosciuto il ricorso ai grafologi per accertare l’autenticità di documenti manoscritti, sempre più spesso le prove calligrafiche compaiono in tribunale per risolvere i casi giudiziari.

Data: 22/02/2010
Fonte: Redazione

Torna su

PROFILO

Il grafologo è in primo luogo un consulente che utilizza la scrittura (o meglio l’analisi grafologica) per individuare potenziale, requisiti intellettivi, tratti di personalità, livello di equilibrio del soggetto preso in esame.
Può operare in ambito aziendale, nei processi di selezione, sviluppo, ricollocazione del personale; nel settore dell’età evolutiva-orientamento scolastico ed alla professione e nell’ambito della consulenza di coppia e socio-familiare. La scrittura infatti rappresenta un prezioso “encefalogramma naturale”, in grado, come evidenziano i più avanzati studi di neurofisiologia, di confermare la stretta relazione esistente tra l’attività del cervello ed il comportamento complessivo dell’uomo.

La grafologia è utilizzata sia per produrre test di personalità che forniscono un prezioso strumento nell’analisi psicologica o medica, sia per scoprire le risorse e le potenzialità delle persone.
Viene impiegata anche nelle ricerche storiche, essendo l’unico test che si può fare su calligrafie di personaggi vissuti secoli fa. Il grafologo è colui che studia la scrittura ed è una figura professionale innovativa, la cui competenza risulta sempre più richiesta e ha trovato vaste applicazioni in diversi settori lavorativi. Il grafologo lavora su documenti manoscritti originali, in quanto se il materiale fosse fotocopiato o mandato via fax, la qualità del tratto ne sarebbe compromessa.

Il grafologo effettua un lavoro di analisi per soddisfare una richiesta di tipo professionale o privato. Utilizza solo metodi legati alla propria disciplina e lavora nei limiti delle proprie competenze e della propria esperienza, astenendosi dal fare diagnosi in settori riservati al campo della medicina, della psichiatria e della psicologia clinica.
Va ricordato che, mentre il grafologo rivela gli aspetti prevalentemente tecnici della scrittura, grafopatologo cerca di individuare delle connessioni tra alcune alterazioni della grafia ed eventuali tratti patologici della personalità.

Negli ultimi anni si sta diffondendo la consuetudine da parte di alcune aziende di richiedere la sua consulenza e collaborazione per completare un’attività di selezione, essendo possibile valutare attraverso la grafologia, la velocità di apprendimento, la creatività, lo spirito di iniziativa e la capacità decisionale; non a caso sono sempre più numerose le inserzioni di lavoro che riportano la richiesta di inviare il curriculum vitae e/o la lettera di presentazione scritti a mano.
In questo caso il grafologo (cioè l’esperto di una tecnica di osservazione e interpretazione) effettua una un’indagine approfondita sulla personalità dello scrivente al fine di rilevarne attitudini, potenzialità, stato emotivo e indole.
Il grafologo può collaborare anche con i tribunali, dove è chiamato ad effettuare confronti fra più scritture per accertarne l’attribuzione o a redigere perizie tese a descrivere i tratti caratteriali di un imputato.

Data: 22/02/2010
Fonte: Redazione

Torna su

REQUISITI

Non sono richieste particolari requisiti per svolgere questa professione. Oltre alle tecniche e alle conoscenze acquisite durante un opportuno percorso formativo (tecniche di analisi grafologica, nozioni fondamentali delle discipline psicologiche e anatomia di base e fisiologia del sistema nervoso) occorre avere una predisposizione ai rapporti con gli altri e al lavoro di équipe (con avvocati, giudici, medici, periti, ecc).
Questo lavoro può essere svolto da persone che sentono uno spiccato interesse a conoscere l’individuo a 360°, e che nella grafologia trovano un mezzo per esercitarlo.

Data: 22/02/2010
Fonte: Redazione

Torna su

FORMAZIONE 

Dal 1996 esiste la laurea triennale in Consulenza grafologica presso le università di Urbino e Roma. Il corso è a numero chiuso con test di preselezione. Al termine del corso viene rilasciato il titolo di Consulente grafologo valido e riconosciuto dallo Stato Italiano.
Le discipline fondamentali apprese sono:

- tecniche di analisi grafologica;
– nozioni fondamentali delle discipline psicologiche;
– anatomia di base e fisiologia del sistema nervoso.

Per un quadro completo dell’offerta formativa dell’Università italiana rimandiamo al database del Miur http://offf.miur.it.
Per avere informazioni generali sugli atenei, sulle strutture e sulle facoltà, si può consultare invece il database http://cercauniversita.cineca.it.

Dopo la laurea segnaliamo il corso di perfezionamento in riconoscimento della voce e della grafia presso il dipartimento di linguistica dell’Università della Calabria a Cosenza. E’ possibile frequentare uno dei 18 corsi privati organizzati in tutta Italia e riconosciuti dall’Associazione Grafologi Professionisti, oppure un corso di laurea triennale tra quelli attivati da alcuni atenei che rilascia.
Questi corsi, molti dei quali riconosciuti dalle Regioni, sono tutti triennali e si propongono di fornire una preparazione teorica e pratica nei vari settori, scolastico, familiare, professionale, sulla base delle correnti di pensiero della grafologia, da quella francese a quella tedesca, da quella svizzera fino a quella italiana di Moretti e Marchesan.
Attenzione! Non tutti i corsi sono consigliabili, è fondamentale ricercare l’autorizzazione della Regione.
La prima discriminante da considerare è la tipologia: quelli amatoriali, e quindi rivolti a un pubblico generico anche senza una specifica formazione scolastica, e quelli invece riservati ai professionisti; inoltre il riconoscimento delle associazioni o delle autorità pubbliche rappresenta un requisito fondamentale.
Tra le materie di studio compare grafologia, neurofisiologia del gesto grafico, storia della scrittura, psicologia, analisi transazionale. 

Data: 22/02/2010
Fonte: Redazione

Torna su

SBOCCHI PROFESSIONALI

I settori di competenza del grafologo possono essere vari: consulenza professionale, dell’età evolutiva, individuale, di coppia e familiare, consulenza peritale-guiridica e clinica.
A seconda della competenza, egli può svolgere la sua professione per conto di grandi aziende, per conto di tribunali, previa iscrizione all’albo dei periti grafologi, oppure a favore dei privati che richiedono una consulenza. E’ possibile sia l’assunzione in azienda sia lo svolgimento della libera professione.
Dato l’alto livello di specializzazione di questa professione, lo sviluppo di carriera più naturale è rappresentato dall’apertura di uno studio di consulenza grafologica.
Recentemente lo studio della calligrafia e stato utilizzato nel campo della scuola per evidenziare eventuali problemi evolutivi di ragazzi e adolescenti e aiutarli nell’orientamento. Allo stesso modo, nei consultori l’esame calligrafico è ritenuto un utile strumento per integrare i risultati dei più complessi test di personalità. In questi ultimi casi si tratta soprattutto di psicologi e insegnanti, che hanno saputo integrare gli studi tradizionali con una specifica preparazione in grafologia.
Crescono dunque le opportunità di lavoro per i grafologi, che tuttavia dovranno dimostrare sempre maggiore professionalità per stare al passo con le regole del mercato e della privacy; maggiori opportunità avrà chi alla grafologia può abbinare altre specializzazioni quali, per esempio, psicologia, medicina, legge.

Data: 22/02/2010
Fonte: Redazione

Torna su

PER SAPERNE DI PIU’ 

Per avere maggiori informazioni sulla figura professionale del grafologo, è possbile contattare:

- Associazione grafologi professionisti
p.zza della Mercanzia 2, 40125 Bologna
tel. e fax 051 220304
e-mail: info@grafologiprofessionisti.it
sito web: www.grafologiprofessionisti.it.
Promuovere e coordinare iniziative volte al riconoscimento, alla tutela ed alla certificazione della professione del grafologo. Qualifica l’attività professionale del grafologo e garantisce il livello professionale e formativo dei grafologi aderenti.
Ricerca e promuove i profili professionali delle attività del grafologo in relazione ai vari settori d’applicazione della scienza grafologica e proporli agli organi competenti al riconoscimento. 

Data: 06/06/2000
Fonte: Redazione

Torna su

Share

Tags: ,