Lavoro femminile

Nuovi incentivi  per l’occupazione femminile in arrivo grazie a al decreto firmato dal ministro del lavoro Fornero.
In dettaglio, il provvedimento rende efficace la norma che prevede la riduzione dei contributi dovuti dal datore di lavoro nella misura del 50% per la durata di 12 mesi.  L’intervento agevolativo è retroattivo dal 1° gennaio 2013 e si rivolge a donne disoccupate in settori produttivi caratterizzati, negli assetti occupazionali, da rilevanti disparità di genere.Il decreto segue di qualche giorno il provvedimento che consente lo ‘sblocco’ degli incentivi per i contratti di inserimento lavorativo in favore di donne residenti in aree svantaggiate e che siano state assunte fino a tutto il 2012.
Intanto prende il via il nuovo sistema di accesso al Fondo dedicato La Sezione speciale Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento per le Pari opportunità del Fondo centrale di Garanzia, dedicata in via esclusiva alle imprese femminili, costituita il 14 marzo 2013 grazie a un accordo tra Dipartimento pari opportunità, Ministero sviluppo economico e Ministero Economia, ha introdotto una significativa novità. 

Il Comitato di gestione del Fondo centrale ha infatti approvato l’introduzione della prenotazione della garanzia da parte delle imprese femminili. Ciò vuol dire che le imprenditrici accederanno direttamente alla Sezione speciale compilando la modulistica on line. Una volta ricevuto l’esito dell’istruttoria della domanda di accesso al credito, potranno rivolgersi alla banca di fiducia.
Sarà sempre la banca a decidere la concessione del credito, ma avere in mano una “dote potenziale” qual è quella rappresentata dal voucher della Sezione speciale è un passaporto di non poco rilievo.
La Sezione speciale sarà operativa a breve e naturalmente il Dipartimento Pari opportunità e il Fondo centrale di Garanzia ne daranno una immediata comunicazione.

Share