Tecnico di laboratorio di ricerca

Il tecnico di laboratorio supporta il personale di ricerca nelle attività di analisi e testing. Cura tutti gli aspetti operativi, effettuando controlli sulle procedure e sui risultati. Agisce con ampia autonomia, coordinando a certi livelli l’attività di altro personale tecnico. In ambito farmaceutico, le sue funzioni riguardano diverse fasi della ricerca, dalla sintesi di laboratorio alla sperimentazione sull’animale nella ricerca pre clinica, mentre in ambito chimico la sua funzione è soprattutto quella di ottimizzare il ciclo produttivo in termini di costi e di impatto ambientale.
Il tecnico assiste e supporta le attività condotte dal gruppo di ricerca curando tutti gli aspetti operativi del laboratorio e contribuendo alla messa a punto di nuovi metodi di preparazione /controllo.
Se possiede una buona esperienza può coordinare l’attività di altro personale tecnico e interagire autonomamente con altri laboratori/unità.
In particolare, all’interno dei laboratori di ricerca farmaceutici lavorano tecnici chimici specializzati in una gamma di specificità che caratterizzano le diverse fasi della ricerca. Dalla sintesi di laboratorio alla sintesi su impianti pilota e alla sperimentazione sul l’animale (ricerca pre-clinica). Questo, soprattutto nel caso della ricerca farmaceutica. La sperimentazione clinica su pazienti è curata da medici, spesso specializzati nella patologia per quale è stato ipotizzato il prodotto farmaceutico.
Acquisiti i dati della sperimentazione, la ricerca rientra in laboratorio dove il prodotto viene sintetizzato per la produzione.
Nei laboratori di chimica la ricerca è piuttosto mirata a migliorare il ciclo produttivo per renderlo meno costoso e allo stesso tempo consentire un minore impatto ambientale. 

Data: 29/04/2009
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

PROFILO 

La complessità delle funzioni di laboratorio fanno sì che i tecnici di laboratorio operino in ambiti specifici secondo i livelli di professionalità, dalla semplice elaborazione dei dati prima di un’analisi, allo svolgimento dell’analisi stessa.
Può accadere così che un tecnico di laboratorio si limiti alla elaborazione dei dati e li consegni per l’analisi al ricercatore oppure può lui stesso analizzarli, ripeta l’elaborazione e consegni al ricercatore direttamente i risultati dei procedimenti.
In linea di massima, i compiti del tecnico di laboratorio sono:

- individuazione e adozione di metodiche adeguate agli obiettivi da conseguire;
– individuazione e messa a punto dei metodi di lavoro;
– esecuzione di campionamenti e controlli analitici;
– controllo e registrazione dei risultati;
– comunicazione alle istanze superiori delle difformità dei risultati rispetto alle previsioni standard;
– manutenzione ordinaria della strumentazione;
– esecuzione delle calibrazioni sulla strumentazione. 

Data: 29/04/2009
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

REQUISITI 

Il tecnico di laboratorio deve possedere le seguenti competenze:

- conoscenze di chimica e di tecniche analitiche;
– capacità di utilizzo di strumentazioni aggiornate;
– conoscenza della realtà industriale e del mercato;
– utilizzo dei pacchetti informatici;
– capacità di assistenza tecnica;
– conoscenza degli impianti.

Deve inoltre essere capace di organizzare e gestire il lavoro in gruppo. 

Data: 29/04/2009
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

FORMAZIONE

Il titolo di studio richiesto per la figura del tecnico di laboratorio è il diploma di tecnico di laboratorio chimico, chimico farmaceutico o biologico, diversamente l’aspirante tecnico deve essere in possesso di conoscenze equivalenti.

Data: 29/04/2009
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

SBOCCHI PROFESSIONALI

In Italia sono pochissime le strutture aziendali con un laboratorio di ricerca interno in cui un tecnico di laboratorio di ricerca possa operare. La ricerca chimica non offre dunque ampi spazi occupazionali.
Il percorso professionale di un tecnico di laboratorio può evolvere verso quello di specialista di Laboratorio, supervisore di area di laboratorio, tecnico di laboratorio di produzione quality assurance e responsabile di impianto produttivo.

Data: 29/04/2009
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

PER SAPERNE DI PIU’ 

Per ulteriori informazioni sulla professione di tecnico di laboratorio di ricerca è possibile rivolgersi ai seguenti enti:

- Federchimica
via Accademia 33
20131 Milano
tel. 02 268101
e-mail: federchimica@federchimica.it
sito web: www.federchimica.it.

- Aschimfarma, Associazione nazionale produttori principi attivi e intermedi per l’industria farmaceutica
via Accademia 33
20131 Milano,
tel. 02.26810246
e-mail onfo@aschimfarma.com
sito web: www.aschinfarma.com.

- Afi, Associazione farmaceutici dell’industria
viale Ranzoni 1
20149 Milano
tel. 02 4045361 fax. 02 4045361
e-mail: segreteria@afiweb.it
sito: www.afiweb.it

Data: 29/04/2009
Fonte: Isfol (elaborazione redazionale)

Torna su

Share

Tags: ,